Parrocchia S. M. Segreta in Milano:        Dove siamo        Orario SS. Messe         Contatti          Facebook!

CARITAS - Centro Ascolto

Una goccia nell'oceano

La maggior parte delle persone che frequentano il nostro Centro sono "casi particolari".

Non è forse "particolare" una persona che non ha più un tessuto né familiare né affettivo, che vive in strade perchè una casa non ce l'ha, perchè i dormitori sono al collasso e se ha la fortuna di un posto letto deve uscire la mattina presto, anche se fuori è freddissimo e lui è sofferente ?

Non è "particolare" una persona che può permettersi di pranzare solo nelle mense, dopo file infinite per non perdere il turno e sapendo  che ciò che mangia non fa certo bene alla sua obesità, all'ulcera o al suo diabete?

Che dire delle continue umiliazioni per le multe sui mezzi pubblici, per quell'unico euro a disposizione che si preferisce spendere per un caffè caldo al posto di un biglietto ? .....

**************************************

Il Centro Ascolto ha tante necessità, le più urgenti sono:

* qualche ora regalata da mettere a disposizione per aiutarci

* volontari con auto per i piccoli trasporti e per accompagnamento temporaneo di persone

* biglietti ATM: sono molto importanti, leggete l'allegato  "Perchè sono così importanti il biglietti ATM?"

* alimentari: tonno - fagioli - piselli - mais - olio - pesto - pelati - zucchero - miele - caffè  -biscotti

* sanitari e varie: lamette bilama e schiuma da barba - bagnoschiuma e shampoo - NAPISAN liquido (disinfettante) e ACCHIAPPACOLORI per lavatrice. 

(vedi  i documento allegati "Chi sono le persone che frequentano....." , "Alimenti", "Cura alla persona", "Biglietti ATM del tram"

************************************

.....E poi viene la notte che non passa mai.....

Non è "particolare" chi raggiunge l'aeroporto di Linate per dormire qualche ora al coperto, fingendosi un passeggero in attesa  del volo o chi riesce a riposarsi un po' nel Pronto Soccorso di un Ospedale ?

Queste sono le nostre persone particolari, con ognuna una storia incredibile alle spalle, senza una dimora prevalentemente non per scelta, esposte al freddo devastante dell'inverno e al caldo insopportabile dell'estate, a rischio di notte e di giorno, molti ammalati, tanti seriamente esauriti, alla disperata ricerca di qualche lavoro qua e là, reso impossibile non solo dalla crisi, dal loro stato, ma anche da tanta diffidenza. Ciò che facciamo per loro è una goccia nell'oceano, ma sembra sia importante ed è in un loro sorriso, in una loro stretta di mano, in quello sguardo che per un attimo si illumina, che traiamo la forza per continuare, per dire che ci siamo per loro, in rappresentanza della Comunità  di S. Maria Segreta , nella persona di ciascuno di voi.

E proprio da voi qualsiasi tipo di aiuto, suggerimento, consiglio, è atteso e apprezzato !

Centro Ascolto Caritas Santa Maria Segreta

Via G.B. Bazzoni 4, 20123 - Milano - tel. 02.48009599 

Orario: 9.00-12.00 dal lunedi al venerdi, esluso il mercoledi

Referente:Silvia Baffini, tel.02.48009599;

                Operatori: Annamaria,Giorgio, Giulia, Giusi e Rosanna 

email: segreteria@santamariasegreta.it

www.caritas.it

Sinodo 47°, cap. 4, Il ministero della Carità, 113-131.

Vedi tutte le iniziative pubblicate riguardanti la Caritas parrocchiale

 

 

 

 

La Parrocchia, già per il fatto che il suo ambito di aggregazione è la comunità di vicinato, può diventare segno di comunione. Il territorio è il luogo in cui si rende presente la comunità dei credenti animata dallo Spirito di Gesù, radicata nella Parola e plasmata dall’Eucaristia. Essa è il luogo della pastorale quotidiana, grazie alla quale la fede può diventare accessibile a tutti e a ogni condizione di esistenza. Ciò deriva intimamente dal suo essere “la Chiesa stessa che vive in mezzo alle case dei suoi figli e della sua figlie e che vive e opera profondamente inserita nella società umana e intimamente solidale con le sue aspirazioni e i suoi drammi, diventando la casa aperta a tutti e al servizio di tutti” (Giovanni Paolo II).

SINODO DIOCESANO 47°, 1995, §135-136